Facciamolo a pezzi 4: la MOBILITA’ a Senago

TRASPORTO PUBBLICO

Vogliamo realizzare a Senago un vero servizio di trasporto pubblico che collega la città alle stazioni ferroviarie ed alla metropolitana di Milano.

Sulla base di quanto già realizzato in via sperimentale, vogliamo inserire nel territorio due linee circolari che collegheranno Senago alle stazioni di Palazzolo, Bollate Nord e l’Ospedale di Garbagnate nonchè elaborare un punto d’incontro con l’utenza di Limbiate che, proprio per mancanza di mezzi pubblici, utilizza vetture proprie per recarsi alla stazione di Bollate Nord, intasando le strade del centro di Senago.

Saremo promotori verso la Regione, la Provincia e qualsiasi altro ente, per far si che il progetto di metrò leggera, che condurrà da Limbiate al metrò di Comasina e purtroppo accantonato dalla Regione, sia nuovamente preso in considerazione e realizzato. Questo per rispondere anche alle esigenze di tutti i comuni dell’interland e di Milano di affrontare seriamente la questione dell’elevato inquinamento dell’aria e di ottenere un collegamento veloce ed utile tra Senago e la capitale della regione. La più alta densità abitativa è a nord di Milano e va quindi orientato in tale direzione ogni ulteriore investimento sui trasporti pubblici.

L’integrazione di questi due progetti potrà evitare la costruzione delle tangenziali ed i fondi ad esse destinati potranno essere invece usati per questo scopo ben più sostenibile.

Vogliamo altresì reintegrare il servizio di trasporto pubblico per il mercato del lunedì e per il cimitero, brutalmente accantonati dalle destre pasticcione.

PISTE CICLABILI

Abbiamo già un grande patrimonio nel nostro Comune: una fitta rete di piste ciclabili create e volute da Rifondazione Comunista.

Il nostro obbiettivo è di completare la rete per renderla interamente fruibile collegando tra loro tutti i segmenti di percorso ancora frammentati.

Vogliamo creare tutti i collegamenti ciclabili intercomunali che ad oggi non esistono e rendere Senago raggiungibile in bici da ogni parte, in un percorso utile e sicuro. Crediamo che il mezzo di trasporto del futuro sia la bicicletta che può battere senza problemi l’automobile, la cui velocità media di spostamento è spesso minore di 20Km/h.

AUTOMOBILI

Le autovetture sono il flagello della nostra epoca. Gli incidenti stradali sono tra le prime cause di decesso in Italia. La velocità è spesso fattore determinante e chi più spesso ci rimette sono gli inermi pedoni o ciclisti.

Una città “lenta” è sinonimo di gusto e sapore. Una città lenta consente di cogliere i lati essenziali del vivere permettendoci di vedere ciò che ci circonda e di assaporarne le forme.

Una città a 30Km/h è uno spazio creato a misura d’uomo, uno spazio vivibile e conviviale, uno spazio dove muoversi con le proprie gambe ed i propri mezzi diventa un piacere e forse un’obbligo. Uno spazio dove l’umano sovrasta la frenesia delle macchine e dove il tempo assume l’essenza della contemplazione della vita. Una città a 30Km/h fa aggiungere 4 minuti in più di tempo per attraversarla e contemplarla, ma consente a chiunque di muoversi in assoluta sicurezza, dagli anziani che vanno a piedi o usano la bicicletta ai bambini nei passeggini, dai ragazzi che prendono il pullman per la scuola ai disabili coi loro mezzi di locomozione lenti ed ecologici.

Un pedone che viene investito da un’auto che viaggia 50Km/h muore. Lo stesso pedone o ciclista che viene investito a 30Km/h, sopravvive sempre.

§

Ulteriori approfondimenti ed importanti dettagli: Agenda 21 Senago, MOBILITA’

 

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...