Il destino dei senaghesi: vasche e allargamento del canale scolmatore tutto insieme

DSCF2244Mercoledì 24 luglio si è tenuta, presso la Provincia di Milano, la riunione della 12^ Commissione Ambiente con all’ordine del giorno “Audizione AIPO e Gruppo di lavoro Comune di Senago in merito alle vasche di laminazione”.

A dispetto del titolo, tema centrale dell’incontro è stata invece la richiesta di allargamento del canale scolmatore già avanzata, come ben noto, dal Gruppo di Lavoro del Comune di Senago.

Quest’ultimo era rappresentato dal Sindaco Fois, Bassoli, Viscomi e Beretta.

La premessa del Presidente della Comissione, che apre la seduta, invita infatti i convenuti a tenere l’argomento “Vasche di Laminazione” forzatamente in disparte, così da concentrare la discussione sulla questione di allargare il canale scolmatore o meno (quasi a voler evitare che qualcuno ponesse dubbi sull’utilità e la necessità dell’opera relativa alle vasche di laminazione).

Purtroppo, nonostante fosse riconosciuta da quasi tutti i presenti, compresi i referenti senaghesi, l’inutilità di tale opera ai fini della salvaguardia di Niguarda da eventuali esondazioni, si è convenuto che l’allargamento tutto sommato potrebbe essere fatto, quasi a contentare le forzose richieste del Gruppo di lavoro che continua a vantare il progetto come la soluzione delle soluzioni, pur sapendo inopinatamente che le vasche si faranno.

Anzi secondo esponenti del GdL, l’allargamento andrebbe fatto subito, per evitare che quando (e se) arriveranno le vasche non ci sia un canale pronto a raccoglierne le acque di deflusso. Poi saranno altri comuni a valle a valutare gli impatti sul loro territorio dell’aumentato arrivo di acque luride…

Per l’allargamento del canale si tratta solo di trovare i fondi, cosa di non poco conto di questi tempi, che puntualmente piovono sul tavolo della discussione: “l’appalto della vasche è stato fatto al ribasso e si risparmierà il 30% dei costi – afferma l’Ingegnere incaricato di AIPO nel suo intervento – per cui tali fondi si possono dirottare sul canale e quindi l’opera sarebbe finanziabile già da subito”, dando così il nullaosta di AIPO col consenso anche di altri cosiglieri.

Sembrano però risultare mancanti i finanziamenti relativi alle compensazioni ambientali per legge che AIPO chiederà a Regione e Provincia di recuperare eventualmente da altre opere (forse dalle compensazioni relative alla realizzazione delle vasche stesse?).

E’ la volta della Lega che sfoggia in aula la propria soddisfazione per questo obbiettivo sostenuto localmente in dirittura d’arrivo. Un obbiettivo tutto politico però, perchè risulta certamente un palliativo che non servirà a risolvere nessuno dei problemi, ed utile solo a togliere la Lega dall’impasse politica a cui era giunta su questo argomento.

Anche il PD è convinto dell’utilità delle vasche affermando in sintesi che le vasche sono un male necessario per risolvere subito tanti problemi della provincia, cerchiamo però di fare tutto per bene per evitare problemi locali.

Da sottolineare che solo ora e dopo anni dall’inizio del progetto, tutti hanno cercato sorprendentemente di coinvolgere, in una stupefacente gara allo scaricabarile economico decisionale e finanziario, una serie di Enti così lunga da far capire in che nebbia e pericolo ci ritroviamo. Sono stati quindi  “citati a comparire in Provincia” in una futura ipotetica riunione plenaria “per capire meglio chi deve fare/pagare cosa”: Regione lombardia, Comune di Milano, Comuni con il CNO a valle di Senago, Parco delle Groane, Parco del Ticino, Provincia di Pavia, …. mancavano forse la NASA, l’ambasciatore kazako e la Confraternita della pentola e forse il quadro poteva essere completato…!

Qualche dubbio sull’opera esce da diverse parti e soprattutto il consigliere provinciale Massimo Gatti che pone diverse domande a cui non si può rispondere in modo immediato e soprattutto allargando dubbi sulle operazioni non chiare che si vogliono fare, che  portano confusione e possono peggiorare il territorio, oltre che suscitare problemi di vario tipo nelle popolazioni coinvolte. Massimo Gatti ha poi affermato che “vedere un’amministrazione ed un consiglio comunale compatto su una scelta è da rispettare, ma a Senago ci sono anche altre voci e reali esigenze di evitare vasche con i loro annessi e connessi, e sulle vasche sembra che il Comune di Senago sia ancora contrario”.

Emblematica la chiusura di Valentini, tecnico della Provincia che afferma che il canale può, a  primo parere informale, aiutare Senago a liberarsi velocemente dalle acque del Seveso contenute nelle vasche, ormai decise.

A chiusura, nonostante il Presidente della Commissione non voleva concedergliela e grazie solo all’intervento a favore di Massimo Gatti, riesce a prendere la parola un esponente di SinistraSenago. Ecco l’intervento:

“Parlo come esponente dell’associazione Sinistra Senago, che non fa parte del GdL ma che comunque rappresenta una vasta area dei cittadini senaghesi. Mi spiace il pochissimo tempo a disposizione e di dover parlare dopo le “conclusioni” di Valentini, quindi andrò per sommi capi sintetici:

– i problemi dell’asse del Seveso devono essere risolti prioritariamente dai comuni dell’asse del Seveso, dalla sua fonte fino a Milano compresi, risolvendo loro i problemi della quantità e qualità delle acque che affluiscono fino a Milano: acque non assorbite dal territorio e fortemente inquinate, e  Senago non c’entra

Senago, come altri comuni, è già stato ferito dal CSNO:  è un taglio che da decenni divide e separa la città di Senago

– L’allargamento del canale scolmatore è una toppa messa sul buco sbagliato, che porterà perdipiù altre lacerazioni sul territorio senaghese e dei comuni vicini e fornirà ulteriore giustificazione all’arrivo delle vasche

– Anche deviando tutto il seveso sul CSNO a Palazzolo, non si salva Milano dalle inondazioni. Quindi l’intervento sul canale è una soluzione inefficace, come le vasche lì posizionate.

– Come detto da un consigliere che mi ha preceduto: “la rimozione della strozzatura comporterà problemi a valle, qualcuno se ne è occupato?”

– E’ evidente che il risultato di vasche+canale allargato sarà solo spostare parte del problema  delle acque inquinate da Milano verso il Parco delle Groane e il Parco del Ticino… Bel risultato!

– L’accoppiata evidente tra vasche e allargamento canale non fa altro che rafforzare la nostra opinione nettamente contraria ad entrambi, e oggi si è visto ancora che abbiamo ragione: gli impatti saranno inoltre  anche su Bollate e sui comuni a valle dei lavori (n.d.r. come Settimo Milanese e Vighignolo dove già sussiste un piano di evacuazione antiallagamento)

– Quindi quello che oggi si prospetta è evidentemente:

  1.     Spreco di soldi pubblici, vista l’inefficacia della soluzione per l’obiettivo di liberare Milano dalle inondazioni
  2.     Consumo e depauperamente del territorio e colpo all’ambiente, visto il tipo di acque stagnanti che ritroveremo e l’effetto prevedibile sul Ticino
  3.     Fortissimi rischi ambientali locali (falda acquifera)
  4.     Evidenti rischi economici: costi non ben chiari tuttora; e poi: chi si occuperà/pagherà la manutenzione dopo la realizzazione delle opere? Qualcuno ci ha pensato?

– Si tratta, a parere nostro, di un reale strabismo sui problemi e la rincorsa a finte soluzioni emergenziali, che in realtà peggioreranno le condizioni complessive di una vasta area. Non si vuole vedere la ragione e la causa del problema, ma si agisce per palliativi…”

L’unica voce contraria senaghese a tale progetto è stata quella di SinistraSenago intervenuta nonostante non fossero ammesse audizioni e nonostante non siamo presenti nel GDL. Intervento di due minuti nel quale abbiamo ribadito fermamente la nostra posizione contro le vasche e contro l’allargamento del canale.

Riteniamo che la soluzione al problema delle esondazioni a Niguarda e delle vasche di laminazione a Senago sia tutta politica: Lega e Pdl che governano in Provincia e regione, ed il PD che governa Milano e Senago e sostiene il PDL a Roma, possono, devono, bloccare questo inutile progetto, di cui perdipiù non si sanno prevedere i costi, ne chi se ne farà carico, ne chi dovrà farsi carico della delicata manutenzione successiva.

Il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha tutti i poteri per fare questo. Lo faccia, subito! E la Lega di Senago ha tutti gli elementi per dirgli perchè occorre bloccare tutto.

Il PD, che corre affannosamente appresso all’area metropolitana, potrebbe intervenire in modo coordinato su tutti i comuni dall’asse del Seveso che governa per cercare almeno di affrontare il problema alla base, ma la loro posizione è tutt’ora a favore delle vasche, visto come male minore rispetto all’unica soluzione che hanno messo in campo.

Il coraggio della politica è ciò che manca a costoro. La cittadinanza di Senago tutta non vuole le vasche ne l’allargamento del canale scolmatore. La nebbia avvolge invece i politici stolti, proni solo al volere dei poteri centrali che ignorano il pensiero dei cittadini che rappresentano.

Per noi la battaglia è solo iniziata.

NO VASCHE NO ALLARGAMENTO CANALE SCOLMATORE!

SinistraSenago

Annunci

Un commento

  1. E questo sarebbe il risultato degli intenti declamati durante la campagna elettorale da quelle forze politiche che ora siedono in CC del comune di Senago? Ottimo, mi sembra il film del governo centrale…..”Mai con Berlusconi” e ci ritroviamo con un governo Letta di larghe intese. La prossima volta x risparmiare tempo e soldi votiamo direttamente Berlusconi. Ma la cosa che più mi stupisce (non più di anto visti i tempi) e che sembra che quasi tutti facciano finta di ignorare la gran confusione in cui sta avanzando questo progetto., quasi a voler scacciare il sospetto sulle responsabilità della cosidetta politica sulle vicende che hanno portato a queste belle conclusioni, anzi hanno già messo lo scheletro nell’armadio e avanzano imperterreti x avviare da subito l’allargamento del canale scolmatore. Proprio bravi, una domanda però mi sorge istintiva :” ma il comitato No Vasche dov’è?” Bah prepariamoci con le sdraie e gli ombrelloni x la prossima estate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...