Archivi del mese: aprile 2016

Festa della Liberazione 2016

25_aprile_2016

Appello dell’ANPI per il 25 Aprile

Il 25 aprile cade quest’anno in un complesso di vicende europee che riporta l’orologio della storia in un tempo dove la civiltà e le pratiche democratiche erano pesantemente oscurate. Una profonda crisi economica da cui si riesce con difficoltà a vedere una via d’uscita, il proliferare di movimenti di chiara marca neonazista e neofascista che arrivano fin dentro i governi, e il panorama drammatico di decine di migliaia di immigrati in fuga da guerre e disperazione che ricevono come risposta dalla politica e dalle istituzioni quasi esclusivamente muri e abbandono, devono far riflettere tutti sull’inquietante e gravissima china che sta prendendo il vivere civile. Non è questa la società che sognavano i combattenti per la libertà. Non è questo il futuro cui aspiravano, deprivato di coscienza, senso di responsabilità, solidarietà.

Auspichiamo un 25 aprile di piena e robusta memoria.

Una Festa che rimetta al centro dei ragionamenti e dei comportamenti politici e sociali preziosi e decisivi “comandamenti”: antifascismo, Resistenza e Costituzione. Una Festa che ricordi con forza i 70 anni della Repubblica e del voto alle donne, i primi importantissimi passi della rinascita democratica del Paese.

Auspichiamo iniziative larghe, che coinvolgano tante italiane e italiani, Comuni, partiti, sindacati, associazioni. Una giornata come una stagione di impegno e profonda, viva Liberazione.

Una giornata che dal giorno successivo inneschi un cammino collettivo, sguardi e azioni solidali e responsabili. Un mondo migliore si costruisce insieme.

L’ANPI è in campo. Con lo spirito e la determinazione dei suoi ispiratori: le partigiane e i partigiani.

Programma manifestazione nazionale, a Milano, nella ricorrenza del 71° Anniversario della Liberazione

Giovedì 21 Aprile – Ore 10,00 cerimonia al Campo della Gloria, con deposizione di corone, a ricordo dei partigiani, dei militari italiani caduti nella Guerra di Liberazione, dei cittadini milanesi deportati nei lager nazisti a seguito della opposizione al regime nazifascista e della persecuzione antisemita.

Interverranno: il Comandante del Presidio Militare; un rappresentante della Diocesi milanese; il Rabbino capo di Milano; rappresentanti delle Istituzioni (Comune, Città Metropolitana,Regione); Giuliano Banfi, Vicepresidente ANED di Milano a nome delle Associazioni Partigiane e Combattentistiche.

Gli onori militari saranno resi da un Reparto delle Forze Armate.
Una folta delegazione di studenti milanesi leggerà brani tratti dalle lettere dei condannati a morte.

Lunedì 25 Aprile – Deposizione di corone alle lapidi e monumenti che ricordano i Caduti per la Libertà.

Ore 9,00 – Piazza Tricolore, Monumento alla Guardia di Finanza;

Ore 9,15 – Palazzo Isimbardi, lapide che ricorda i Caduti in guerra;

Ore 9,30 – Palazzo Marino, lapide riproducente la motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla città di Milano;

Ore 9,45 – Loggia dei Mercanti, Sacrario Caduti per la Libertà;

Ore 10,00 – Piazza Sant’Ambrogio, Sacrario dei Caduti di tutte le guerre;

Ore 10,15 – Campo Giuriati, omaggio ai Martiri del Campo Giuriati;

Ore 10,30 – Piazzale Loreto, omaggio ai Quindici Martiri.

Manifestazione centrale

Concentramento dei partecipanti al corteo lungo Corso Venezia, a partire dalle ore 14,00.

Il corteo raggiungerà Piazza Duomo percorrendo le vie del centro città.
Ore 16,00 palco piazza Duomo
Interventi di: Giuliano Pisapia, sindaco di Milano; Annamaria Furlan, Segretario Generale della CISL; Gaetano Silvestri, Presidente emerito della Corte Costituzionale; Giusi Nicolini, Sindaco di Lampedusa;
Concluderà la manifestazione: Carlo Smuraglia, Presidente Nazionale dell’ANPI.

Al termine della manifestazione ci si recherà alla Loggia dei Mercanti per rendere omaggio ai Caduti per la Libertà.

anpi_udu_spi_2016_tiny

Acqua, il re è nudo.

22soc2m5protesta

Non sono passati più di tre giorni dalla rivendicazione da parte di Renzi dell’astensionismo nel referendum sulle trivellazioni («referendum inutile», come certamente hanno capito gli abitanti di Genova), che il governo e il Pd compiono l’ulteriore atto di disprezzo della volontà popolare.

Il tema questa volta è l’acqua e la legge d’iniziativa popolare, presentata dai movimenti nove anni fa, dopo aver raccolto oltre 400.000 firme. Una legge dimenticata nei cassetti delle commissioni parlamentari fino alla sua decadenza e ripresentata, aggiornata, in questa legislatura dall’intergruppo parlamentare in accordo con il Forum italiano dei movimenti per l’acqua.

La legge è stata approvata ieri alla Camera, fra le contestazioni dei movimenti e dei deputati di M5S e SI, dopo che il suo testo è stato letteralmente stravolto dagli emendamenti del Partito Democratico e del governo, al punto che gli stessi parlamentari che lo avevano proposto hanno ritirato da tempo le loro firme in calce alla legge.

Nel frattempo, procede a passo spedito l’iter del decreto Madia (Testo unico sui servizi pubblici locali) che prevede l’obbligo di gestione dei servizi a rete (acqua compresa) tramite società per azioni e reintroduce in tariffa l’”adeguatezza della remunerazione del capitale investito”, ovvero i profitti, nell’esatta dicitura abrogata dal voto referendario.

Un attacco concentrico, con il quale il governo Renzi prova a chiudere un cerchio: quello aperto dalla straordinaria vittoria referendaria sull’acqua del giugno 2011 (oltre 26 milioni di “demagoghi” secondo la narrazione renziana), sulla quale i diversi governi succedutisi non avevano potuto andare oltre all’ostacolarne l’esito, all’incentivarne la non applicazione, ad impedirne l’attuazione.

Il rilancio della privatizzazione dell’acqua e dei servizi pubblici risponde a precisi interessi delle grandi lobby finanziarie che non vedono l’ora di potersi sedere alla tavola imbandita di business regolati da tariffe, flussi di cassa elevati, prevedibili e stabili nel tempo, titoli tendenzialmente poco volatili e molto generosi in termini di dividendi: un banchetto perfetto, che Partito Democratico, Governo Renzi e Ministro Madia hanno deciso di apparecchiare per loro.

Ma poiché la spoliazione delle comunità locali attraverso la mercificazione dell’acqua e dei beni comuni, necessita una drastica sottrazione di democrazia, ecco che lo stravolgimento della legge d’iniziativa popolare sull’acqua e lo schiaffo al vittorioso referendum del 2011 non rappresentano semplici effetti collaterali di quanto sta accadendo, bensì ne costituiscono il cuore e l’anima.

A tutto questo occorre rispondere con una vera e propria sollevazione dal basso, con iniziative di contrasto in tutti i territori e l’inondazione di firme in calce alla petizione popolare per il ritiro del decreto Madia, promossa dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua all’interno della stagione appena aperta dei referendum sociali.

Oggi più che mai, si scrive acqua e si legge democrazia.

* Forum italiano dei movimenti per l’acqua

I tempi delle gabelle

1433428336-0-gabelle-gabelloti-e-gabelle-perseAlcune scelte sono odiose, come chi le compie. Si sa.

Il Comune di BOLLATE ha scelto, nella precedente legislatura, quella diretta dal Sindaco Lorusso e sostenuta dal centrodestra bollatese, di istituire la zona ZTL per impedire ai confinanti di attraversare il proprio Comune con i mezzi privati. Il divieto vige dalle ore 7 alle 9 del mattino, ovvero quando la gente ha maggior esigenza di muoversi per recarsi al lavoro, a scuola, all’asilo.

indexLa limitazione in questione, avallata dall’attuale giunta PD, quella presieduta dal Sindaco Vassallo, non limita il traffico nelle vie centrali di Bollate ma impedisce, a chiunque si avvicini al territorio bollatese, di attraversarlo anche solo tangenzialmente.

Pena un salasso di gabella, come ai tempi dei romani o più ancora come nel XII secolo. Il futuro dei gamberi.

Ovviamente nessuno degli amministratori bollatesi ha pensato di istituire, in alternativa ai mezzi di trasporto privati, alcuna linea di trasporto pubblico alternativo (e magari gratuito, visto l’obbligo imposto).

Risultato è che chiunque dovrà muoversi, attraversando Bollate per recarsi a scuola o al lavoro, in ambulatorio, ad accudire ammalati o a curare anziani,  lo potrà fare pagando la nuova GABELLA o percorrendo un giro tortuoso, attraverso altri comuni che subiranno le conseguenze del traffico aggiunto.

Bollate ha scelto: IO ESISTO E DEGLI ALTRI CHI SE NE FREGA!

Sì, è proprio vero, alcune scelte sono davvero odiose, come chi le attua.

ztl

 

Referendum, perché votiamo Sì

Il 17 aprile gli italiani saranno chiamati al voto per esprimersi sulle estrazioni di idrocarburi in mare. Grazie ai nove consigli regionali che si sono fatti promotori del referendum, la popolazione potrà decidere se mettere una croce sul “sì” e abolire così la norma che consente alle società petrolifere di fare attività di ricerca ed…

… continuna a leggere Referendum, perché votiamo Sì — Sbilanciamoci.info

Trivellare? C’è sempre un’alternativa. Innaffiare la meraviglia, ad esempio

energia_alternativa_28-800x600

Quando qualcuno vi dice che “non c’è alternativa” sappiate che siete riusciti a stanarlo. Ci nascono così, quelli che dicono che non c’è alternativa, tenendo sempre in tasca la cartuccia per spararla in ogni momento di difficoltà. Quando crolla il consenso, quando si esaurisce la propaganda e quando finisce la spinta propulsiva degli interessi particolari il “non c’è alternativa” è la bandiera bianca che vorrebbe essere nera, l’ultima starnazzata dell’oca travestita da cigno.

Sappiate che quando un governante, uno qualsiasi, vi dice che cambiare è pericoloso e mette a rischio lo status quo (di solito dicono: «i posti di lavoro») significa che ha svuotato il proprio serbatoio di innovazione e ha deciso di lasciarsi portare dalla corrente. I “posti di lavoro” sono figli delle opportunità che abbiamo voglia e talento di costruire: non esiste un lavoro che sopravvive come diritto acquisito nonostante la Storia. Non è esistito, mai. I figli dei figli dei figli dei forgiatori di spade sono ottimi ingegneri, informatici, analisti.

Sappiate che un governo che vi invita a non partecipare ad una consultazione popolare è un vigliacco. Decidere di non decidere è qualcosa che sta nel cassonetto delle azioni inutili alla cittadinanza e la democrazia. E frugare nei cassonetti è uno stadio di disperazione, mai una pratica da statisti.

Sappiate che tutto quello che è sempre stato considerato indispensabile per l’economia è stato superato dal tempo, dagli uomini, dall’evoluzione, dallo sviluppo e dal mondo. Ciò che non riusciamo ad immaginare non è impossibile, è sconosciuto. L’irrealizzato spesso è semplicemente incompiuto. Gli uomini che hanno cambiato il nostro Paese (e tutti i Paesi del mondo) sono quelli che hanno avuto le gambe forti per trovare un angolo d’osservazione mai calpestato, e da lì hanno visto che tutto era già vecchio.

C’è un motivo (tra i tanti che potete leggere qui) per votare sì al referendum del 17 aprile: pretendere di avere una classe dirigente che riesca ad innaffiare meraviglia; che come i giullari possa mostrarci la realtà così com’è ma stropicciata per scoprirla da un angolo di osservazione che non avemmo mai osato. Da lì nasce lo stupore, lo stupore gocciola meraviglia e dalla meraviglia un cambiamento di paradigma.

Altrimenti facciano i cronisti. Mica i ministri o i presidenti del consiglio.

Giulio Cavalli