Archivi del mese: maggio 2016

Per una nuova stagione politica

Manifesto-420x310

Capita talvolta nelle nevralgiche vicissitudini della politica di casa nostra di incorrere nello sconforto e nel disorientamento ed è quello che sempre più spesso si ascolta nel quando ci si confronta con i cittadini durante un volantinaggio, una raccolta firme, un’iniziativa o un qualsivoglia intervento pubblico.

Capita che risuonino le litanie ormai un po’ qualunquiste e disincantate che vanno dal “tanto non cambia mai nulla” al “fanno sempre ciò che vogliono” per concludere con il classico “sono tutti uguali e tutti rubano alla stessa maniera !” come cantava anche Francesco De Gregori ne “La storia”.

Ed è allora che scatta quella insana follia di chi non si arrende ad un mondo che ogni giorno cambia sempre in peggio. All’indomani di un referendum appena perso con il treno del quorum mancato sulle trivelle per intenderci, oggi vengono proposti ancora tredici raccolte firme tra quesiti referendari e leggi di iniziativa popolare e quella che troverete di seguito è una sorta di guida alle leggi o parti di leggi che i quesiti vogliono cambiare.

Tredici è un numero che agli scaramantici potrebbe anche suggerire strani auspici, e che farà dire a molti che i quesiti sono troppi e molto difficili da comprendere, ma abbiamo sempre avuto la pretesa di parlare ai cervelli e non agli stomaci delle italiane e degli italiani. Molto è cambiato nel nostro paese ed in peggio, e questa nuova campagna referendaria iniziata il 9 aprile e che si concluderà con la raccolta di firme ai primi di luglio vuole arrivare al cuore delle peggiori riforme che in questo paese hanno ulteriormente indebolito il tessuto politico, sociale ed economico dell’Italia di oggi.

A chi sosteneva che “il mondo è cambiato” e che quindi certe azioni politiche ed alcuni idee fossero un po’ fuori moda Bertolt Brecht rispondeva: “Cambiamo il mondo cambiato !

Sono in campo diversi quesiti che spaziano su temi come i beni comuni, l’acqua pubblica e l’ambiente (trivellazioni e inceneritori), i diritti al lavoro e nel lavoro (modifiche al Jobs Act, abolizione dei Voucher, politiche degli appalti), la legge elettorale (Italicum che consegna premi di maggioranza esorbitanti) che viene a incastrarsi pericolosamente con alcune riforme costituzionali davvero aberranti, la scuola (una legge denominata Buona Scuola che precarizza chi lavora nella scuola e consegna tutto nelle mani di un dirigente/preside manager plenipotenziario) che viene sempre più ad assumere un impronta classista, competitiva e autoritaria. Sono tante firme, ma ne vale la pena !

Possiamo ancora sovvertire le sorti di questo drammatico declino. Ne abbiamo la possibilità con uno strumento di democrazia diretta. Anche a Senago in questi e nei prossimi giorni sono e saranno presenti banchetti organizzati da associazioni, movimenti e partiti politici, presso cui firmare a sostegno dei quesiti referendari Chi volesse può apporre la propria firma ed il proprio sostegno anche presso la segreteria del Comune. Facciamo la nostra parte tante firme, per cambiare davvero.

Qui di seguito troverete un importante ed interessante vademecum su tutte le tematiche. Buona lettura !

http://www.altalex.com/documents/news/2016/04/13/riforma-costituzionale-il-testo

Annunci
Immagine

Banchetti scuola

Banchetti maggio

REFERENDUM: FIRMA ANCHE TU

Sinistrasenago, in coordinamento col comitato locale, sostiene la raccolta firme per i seguenti referendum:

  • 4 firme contro la “buona scuola di Renzi” e per sostenere la scuola pubblica
  • 3 firme contro la riforma costituzionale a difesa della democrazia
  • 3 firme sul lavoro contro il jobs act

Ci trovi nelle vie e nelle piazze di Senago sabato, domenica e lunedì. Durante la settimana puoi trovarci davanti alle scuole.

Vieni a trovarci, FIRMA ANCHE TU.

Volantino_Scuorum

Manifesto-420x310