Ma a Senago c’è la “legge marziale”?

beretta

Per chi dovesse passare ultimamente in quel di Senago, probabilmente si domanderebbe se per caso è stata istituita la legge marziale.

Perché è ciò che verrebbe subito in mente quando nell’attraversare il territorio di tale comune si rischia di trovarsi di fronte la polizia locale in assetto militare con posti di blocco con tanto di mitra e giubbotto antiproiettile.

Che ricordiamo, a parte i tempi bui della dittatura fascista, dal dopoguerra e fino allo scorso anno non si era mai visto la polizia (ieri vigili urbani) in divisa da agenti anticrimine.

Sarà per caso dovuto per prevenire possibili infiltrazioni mafiose oppure per allontanare recenti adunanze dei neofascisti sul territorio, niente di tutto questo.

Ci toglie ogni dubbio la stessa sindaca in un intervista sui giornali locali, assicurandoci che tali misure sono per “sistemare” il campo nomadi, per evitare possibili “sbarchi” di profughi sul territorio e per allontanare sinistri individui che si aggirano furtivamente per le strade e nelle piazze a importunare i passanti per chiedere l’elemosina.

Insomma a suo dire per rimettere a nuovo il decoro della città.

A parte qualche scaramuccia e brevi episodi di micro criminalità, ad oggi, nessuno si era mai accorto (a parte la Lega) che Senago, un paesino di poco più di 20.000 abitanti, fosse degenerata al punto di un intervento “militare” di tale portata e sinceramente non sembra che l’attuale situazione dia motivo x sostenere tale provvedimenti.

Sarà che non ci siamo accorti del decadimento in cui versa la città, sarà che dall’esterno non ci siamo accorti della mole di lavoro che l’attuale amministrazione si trova ad affrontare., ma pensiamo che invece di richiedere un incontro con la prefettura x ulteriori strumenti di controllo dell’ordine pubblico, sia necessario che questo comune chieda più risorse per politiche di solidarietà e migliorare i servizi e l’assistenza per i più poveri e disagiati di qualunque nazionalità essi siano.

Altrimenti avremo una città per i benpensanti e un decadimento culturale dei cittadini.

Viene i mente un ritornello di una vecchia canzone di Claudio Lolli che diceva più o meno così: “vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia non so dirti se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia”.

Annunci

MEMORIA ANTIFASCISTA

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

1200px-Emblem_of_Italy.svg

Disposizioni transitorie e finali

XII

È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.

In deroga all’articolo 48, sono stabilite con legge, per non oltre un quinquennio dall’entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e alla eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista.

§

 

Scarica la Costituzione integrale dal sito della Presidenza della Repubblica Italiana

clicca qui

Lombardia, che fine hanno fatto i tablet del referendum per l’autonomia?

Polemiche sul destino dei dispositivi. Forma e specifiche non sembrano adatti all’uso didattico: i primi esperimenti sul campo non sembrano lasciare ampi margini di miglioramento


tablet di Roberto Maroni, che dovevano (dovrebbero) finire alle scuole dopo il referendum sull’autonomia della Lombardia (insieme a quello tenuto in Veneto) dello scorso 22 ottobre, vivono un destino incerto. Ne sono stati acquistati ben 24.400 con un esborso per le casse regionali di 23 milioni di euro. Niente paura, aveva assicurato il governatore Maroni, li doneremo alle scuole. Qualcun altro aveva addirittura suggerito di offrirli alle forze dell’ordine. L’acquisto è “un investimento, non una spesa, perché i tablet poi rimangono in dotazione alle scuole come strumento didattico” aveva detto il governatore. Trascorsi 4 mesi dal referendum, quale futuro per questi dispositivi?

9079079

Di cosa si tratta

Quei VIU-800 di Smartmatic non sono tablet di formato tradizionale. Sono pesanti (oltre 2 chili) e di fatto non sono portabili, è impensabile utilizzare tali dispositivi in mobilità per l’istituto, magari per delle lezioni in classe. Difficile anche affidarli da portare a casa, visto che hanno una forma particolare: sono degli “identity management device”, così li definisce la società che li produce. Avete presente quei dispositivi che utilizziamo in banca per firmare, negli uffici per prendere i biglietti o prenotare un turno oppure appunto come “voting machine”, macchine da voto con lettore d’impronta digitale e identificazione video? Ecco, quella roba lì.

204b7aea-5faf-11e7-89db-f0df40559f50

Le specifiche tecniche

Montano un processore Soc Z8350, paragonabile (l’ha spiegato Francesco Fumelli dell’Isia di Firenze a Motherboard) a uno Snapdragon 801. Una chip del 2014 con cui erano equipaggiati smartphone del livello dell’LG G3, del Motorola Moto X, del Sony Xperia Z3 o dell’One Plus One. Un ottimo processore, sì, ma appunto quattro anni fa. Che nel mondo della tecnologia sono un’eternità. Anche il touchscreen non è eccezionale, e comunque non paragonabile a quello delle più diffuse tavolette, senza contare la poca chiarezza sul sistema operativo. Per il Fatto monterebbero Ubuntu, non proprio il massimo in termini di compatibilità con licenze e software in mano agli istituti, oltre tutto programmato sulle necessità di una procedura elettorale.

 

Lo spazio per riconfigurare quei dispositivi con un “sistema operativo commerciale” ci sarebbe, è previsto dal bando di fornitura che Smartmatic si era aggiudicata tre anni fa. Ma non pare che sia stato fatto. Almeno non con i primi pezzi distribuiti. Nel frattempo, infatti, una sessantina di scuole della regione ha già ricevuto 1.500 di questi dispositivi: “Una prima distribuzione sperimentale” ha detto Maroni. Da febbraio dovrebbe andare via il grosso, intorno ai 20mila pezzi. Quattromila rimarranno invece a Palazzo Lombardia per eventuali altri usi consultivi ed elettorali.

L’operazione però al momento sta mostrando il fianco alle polemiche: “La Lega ha fatto credere ai cittadini che fossero un investimento per le scuole, peccato che pesino 2 chili, siano lente, con sistema operativo Ubuntu e touchscreen arretrato, che adesso non vuole nessuno” ha detto Pietro Bussolati, capolista PD alle elezioni regionali. Giornalisti del settore, compreso Roberto Pezzali su DDay.it, avevano spiegato fin dalla scorsa estate come questi dispositivi non avrebbero avuto vita facile nelle scuole. Non era un problema del dispositivo, ideale per l’uso per il quale è stato acquistato, ma della sua rigidità hardware e software: “Quella della riconversione è infatti la parte che ha sollevato più richieste di chiarimenti prima dell’approvazione delle regole della gara: quali sono le caratteristiche che saranno operative sui dispositivi che verranno consegnati alla Regione dopo le elezioni? Ci saranno WiFi, Bluetooth e un collegamento per cuffiette e microfono come su un normale tablet commerciale?” si chiedeva il giornalista diversi mesi fa.

Sempre su DDay.it si spiegava mesi come fosse “probabile che molte funzionalità non ci saranno: queste tipologie di apparecchi sono pensati per essere blindati e sicuri contro eventuali accessi esterni, e non a caso la scheda di rete è un modulo particolare che viene disattivato durante le operazioni di voto. Le 24mila voting machine resteranno in comodato alle scuole sedi di seggio come ha annunciato Roberto Maroni, ma è davvero difficile che una scuola le possa trasformare in strumenti utili dal punto di vista didattico”.

Paradossalmente, sarebbe stato – e ancora forse dalla Regione sarebbero ancora in tempo per farlo – più sensato tenerle a disposizione per almeno una o due tornate elettorali regionali future, compito che avrebbero svolto egregiamente, invece di rivenderle ancora prima del referendum come strumenti per i bambini e i ragazzi.

“Antifascismo e antirazzismo: noi su questo non abbassiamo i toni, alziamo la guardia e sabato 10 febbraio saremo in Piazza, senza alcuna esitazione” dichiarazione di Roberta Turi, segretaria generale Fiom Milano

SABATO 10 FEBBRAIO
MARCIA ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA
APPUNTAMENTO ORE 15.30
MILANO, PIAZZA OBERDAN
CONTRO LA VIOLENZA FASCISTA, RAZZISTA, SESSISTA:
NOI CI SIAMO

OSTINATAMENTE-ANTIFASCISTA

 

“E’ intollerabile ciò che è accaduto a Macerata, ma anche la sua lettura distorta, la sottovalutazione quando non l’accondiscendenza per le parole d’odio, l’istigazione alla violenza, gli atti squadristi che stanno creando un clima inquietante nel paese. Non siamo di fronte a fenomeni folkloristici, ma al tentativo pericoloso di riportarci ai tempi bui, di scaricare la responsabilità dei problemi sui più deboli in nome della “razza”.
Noi su questo non abbassiamo i toni: le nostre radici sono nella Costituzione, libertà, uguaglianza, giustizia sociale, solidarietà sono i valori che segnano il nostro presente, il nostro agire dentro e oltre i luoghi di lavoro.
Non abbiamo smarrito la memoria, siamo orgogliosi della nostra storia e non possiamo accettare che forze dichiaratamente fasciste si muovano liberamente, vengano riconosciute, ospitate in spazi pubblici, considerate soggetti con cui dialogare.
Il fascismo non è un’opinione, è un reato: è scritto a chiare lettere nella XII Disposizione della Costituzione (“E` vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma,del disciolto partito fascista”) E allora noi ribadiamo la nostra richiesta: le organizzazione neofasciste e neonaziste vengano dichiarate fuori legge.
Abbiamo aderito con convinzione alla marcia antifascista e antirazzista organizzata a Milano per 10 febbraio e abbiamo invitato le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici a partecipare alla manifestazione. Ci auguriamo che molti accolgano l’appello. Ci dispiace per chi ha scelto di non partecipare: noi ci saremo, con le nostre bandiere e tutta la nostra convinzione”.

Milano, 8 febbraio 2018

Noi siamo contro la Lega