Senago: la giunta Beretta fa acqua

Ebbene, è bastato un temporale (3 luglio sera) per mettere in ginocchio l’intero paese. Così un evento previsto ore prima, si è trasformato in un enorme disagio. Strade allagate, cantine invase dall’acqua, buche stradali (finalmente!) non più visibili e sede di trappole.

Ed immancabilmente anche la Casa delle Associazioni è finita nuovamente sott’acqua, anzi, immersa nei liquami più schifosi che l’uomo produce.

La giunta Beretta, sostenuta da LEGA-FORZA ITALIA-VIVERE SENAGO e già reduce da precedenti analoghi, se ne sta imperterrita immobile a guardare.

Incuria, mancanza di manutenzione, scarsi interventi, mancati preavvisi, queste forse le cause dei troppi disservizi che avvengono in città a fronte di ogni nuova perturbazione, forte o debole che sia. Ed intendiamoci, qui Greta Thunberg non centra proprio nulla. Qui centrano le mancanze di una giunta che si preoccupa delle vasche (arriveranno certamente come ci ha garantito il fido Pase – consigliere leghista in regione n.d.r.) ma non di mettere in sicurezza il proprio paese. Qui centra una giunta incapace di coordinare i servizi di manutenzione e di allerta.

Allora altrochè le vasche per i torrenti “Pudiga e Garbogera” (ma quando hanno mai esondato questi rigagnoli, peraltro già attualmente lamati nel canale scolmatore?) come le vogliono Pase e la Lega. Qui, se ci vogliono le vasche, che le mettano a servizio della scuola di via Risorgimento, che si trova oramai periodicamente con i sotterrnaei pieni di liquami fognari.

Le foto che seguono sono la testimonianza di come la sera del 3 luglio 2019 erano invasi da liquami fognari i corridoi e le sale all’interno della casa delle associazioni di via Risorgimento. Qualcuno pulirà e metterà in sicurezza il sito?