Ha vinto la Lega: le vasche di Senago si faranno; l’appalto è stato aggiudicato. Presto il via ai lavori.

vasche_googleSi è conclusa la gara d’appalto per la realizzazione delle vasche di laminazione delle piene del Seveso nel Comune di Senago (MI). La gara – indetta da AIPo in qualità di stazione appaltante e responsabile del progetto e dell’iter delle procedure d’appalto – è stata aggiudicata all’A.T.I. fra il Consorzio Costruttori Infrastrutture di Sant’Angelo Lodigiano (Lodi) e la ditta Impresa Luigi Notari di Milano.

“L’avvio dei lavori di questa vasca di laminazione – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Lavori pubblici – insieme con la gara di appalto della vasca di Milano ‘Parco Nord’, già attivata negli scorsi giorni dal Comune di Milano attraverso MM S.p.A., completa una prima serie di opere a protezione dei quartieri della città spesso colpiti dalle esondazioni del Seveso”. La consegna dei lavori alla ditta è prevista per ottobre 2019, una volta espletate le formalità previste dalla legge per la verifica del possesso dei requisiti dichiarati dall’A.T.I., sia per il primo che per il secondo stralcio (Settori 1 e 2 della prima vasca di laminazione).

L’opera, realizzata dall’Agenzia Interregionale per il Fiume Po (AIPo) e finanziata con fondi del Comune di Milano (20 milioni di euro) e Regione Lombardia (10 milioni di euro), è fondamentale per la prevenzione delle piene del Seveso a valle del nodo idraulico di Paderno Dugnano (Palazzolo). Una volta realizzata nella sua completezza (3 stralci), consentirà di scolmare il doppio della portata del Seveso nel canale scolmatore di nord ovest, già adeguato a ricevere quantitativi maggiori di acque di piena.

Ha vinto la lega che da sempre voleva realizzare le vasche a Senago. Il suo progetto, portato avanti in regione dal consigliere della Lega Pase, di realizzare una vasca per laminare due innocui torrenti che non hanno mai arrecato problemi a Milano (laminazione che già avviene ora verso lo scolmatore e non si capisce quindi la necessità di dotarli di una vasca di riempimento) facendo finta che il grande catino non sarà mai utilizzato per laminare le acque del Seveso che scorrono nel canale scolmatore (come la sindaca di Senago ha fatto scrivere sui giornali) è divenuto ora esecutivo e l’appalto di aggiudicazione dei lavori è azione compiuta, alla faccia di tutti i cittadini di Senago.

Annunci