Archivi categoria: PGT

Senago: il PGT del cemento è stato approvato

cons_suolo_50-2012Ebbene, il PGT del cemento è stato approvato in via definitiva con l’ultima seduta del Consiglio Comunale di Senago dell’11 giugno 2014.

Mentre in tutta Italia cresce la consapevolezza che il consumo di suolo è arrivato al limitie del sopportabile e che è oramai d’obbligo un’inversione di tendenza che valorizzi il riuso e fermi il consumo di nuovo suolo, la giunta di Senago, in assoluta minoranza, riesce a far passare il proprio PGT criticato persino da Regione Lombardia e Provincia di Milano.

Otto voti a favore su diciassette consiglieri, due defezioni all’interno della stessa maggioranza, due assessori recentemente licenziati e il voto di astensione del Presidente del Consiglio Comunale.Questo il bilancio che porta ad un governo allo sbando solo per vedere approvato il PGT che darà nuovo vigore alle ruspe ed al cemento nel territorio di Senago. Il tutto realizzato nell’assoluta mancanza di dialogo con le forze politiche presenti nel territorio e con la completa incuranza e rifiuto di tutte le osservazioni che abbiamo presentato come SinisraSenago a nome ed in rappresentanza dei cittadini.

Non ci stupiremo se il governo di questo paese dovesse cadere da un momento all’altro. Per loro l’obbiettivo che si erano preposti è stato raggiunto.

§

Notizie dal mondo dell’ambiente: “stop al consumo di suolo”

– Il consumo di suolo in Italia – edizione 2014 ISPRA (.pdf)

– Stime del consumo di suolo in Italia (.pdf)

 

Annunci

Progetto di recupero ambientale della cava di Senago: fare una DISCARICA di RIFIUTI!

La cava sud di Senago (ATEg16), quella compresa tra Senago, Bollate e Cassina Nuova, è prossima a giungere al termine della sua funzione di estrarre materiali preziosi dal sottosuolo del nostro Comune.

Il consorzio che la tiene in gestione, ben sapendolo, ha avanzato presso la Regione e la Provincia di Milano un progetto per l’utilizzo delle aree a recupero, mediante attivazione di un impianto di DISCARICA controllata di RIFIUTI (D1). Rif. SILVIA R961.

Insomma, un progetto di riqualificazione ambientale che prevede di sotterrare milioni di metri cubi di RIFIUTI per coprirli alla fine con un piccolo strato di terra comune.

Nessuno vieterà poi di costruirci sopra case, capannoni, supermercati, centri commerciali, come nelle migliori prospettive di questo contorto paese che si chiama Italia.

Da quanto abbiamo potuto vedere dalle carte pubblicate sul sito della Regione, sembra che il Comune di Senago, pur essendo parte in causa ed al corrente del progetto, non ha mai pensato di opporsi a questo ennesimo sfregio al nostro territorio, nè abbia mai pensato di rendere pubblica la questione alla cittadinanza.

Noi abbiamo depositato in Comune un’osservazione al PGT affinchè le due cave siano recuperate a beneficio della popolazione e chiediamo di lasciare lo spazio cave attuale trasformandolo in un parco, come potrebbe essere quello della ex cava nord di Paderno Dugnano ora trasformata in PARCO LAGO NORD.

Abbiamo poi chiesto di inserire nel PGT un vincolo formale che vieti qualsiasi tipo di riutilizzo del suolo per depositare rifiuti di ogni natura.

Ora i cittadini di Senago hanno qualcosa in più, oltre alle vasche, di cui preoccuparsi.

Vasche e rifiuti, due percorsi tanto paralleli quanto vicini. Beati coloro che abitano questo paese e che potranno godere dei tanti benefici che le vasche inquinate del Seveso ed i rifiuti sotterrati nella cava potranno portare. Gioite cittadini!

Leggi qui i progetti di integrazione richiesti per realizzare una discarica di rifiuti nella cava di Senago.

Leggi qui la nostra osservazione.

Presentate le nostre osservazini al PGT del Comune di Senago

nell'immagine, lo stralcio della carta riferita agli ambiti agricoli strategici dove, in verde, è indicata l'area acquisita nel Comune di Senago

Nell’immagine, lo stralcio della carta riferita agli ambiti agricoli strategici acquisiti all’interno del Comune di Senago col nuovo PTCP della Provincia. Le acquisizioni sono prescrittive e prevalenti sul PGT e coinvolgono una vasta area a sud di Senago, proprio dove la cementificazione prevista nel PGT della giunta Fois, risulta notevole.

SinistraSenago, Federazione della Sinistra e Senago Bene Comune, hanno presentato al Comune di Senago le proprie osservazioni sul Piano di Governo del Territorio (PGT) di recente adottato dal Consiglio Comunale: un documento di 43 pagine che raccolgono 25 osservazioni, risultato di uno studio intenso, fatto cercando documenti mancanti e portato a termine senza una vera interlocuzione con l’Amministrazione, che non ha mai voluto rispondere alle nostre precedenti osservazioni.

Preparare le osservazioni è stato arduo: è stato necessario districarsi in centinaia di pagine di documenti tecnici di malagevole interpretazione: un vero e proprio percorso ad ostacoli che sembrava quasi concepito per eludere ogni contributo propositivo da parte dei cittadini.

Noi lo abbiamo fatto lo stesso, criticando e proponendo soluzioni diverse. Abbiamo proposto che fossero modificate parti del PGT ma anche che fossero completamente eliminate intere parti che contenevano il proposito di cementificare il territorio.

Sull’edilizia scolastica, rispetto agli estensori del PGT, abbiamo una visione totalmente diversa: essi progettano di accorpare tutte le scuole in tre soli complessi creando un enorme disagio a tutti i bambini che le frequenteranno. La soluzione per noi passa dalla conservazione delle attuali strutture semplicemente “ristrutturandole e curandole” come si farebbe con la propria casa.

Critichiamo, di questo PGT, il ricorrente uso che si è fatto della “perequazione”, strumento usato per poter cementificare anche laddove ciò sarebbe stato impossibile da realizzare in qualsiasi modo.

Infatti “perequare” vuol dire consentire l’edificazione in luoghi dove non sarebbe consentito per compensare la mancata edificazione in altri dove sarebbe stato concesso farlo.

Infine, ma forse più importate d’ogni altra questione, il PGT voluto da questa giunta ha completamente ignorato ed eluso decisioni adottate nel Piano territoriale Provinciale, il PTCP, approvato nel 2013 dalla Provincia di Milano. I documenti che ne fanno parte sono assolutamente prescrittivi e prevalenti sul PGT ed in particolare, nei documenti del PTCP, l’area sud di Senago è stata definita ambito agricolo e strategico: in questo modo viene preservato un patrimonio comune per il futuro dei nostri figli.

Questo PGT, basandosi su dati ormai vecchi di molti anni, risulta poi miope e non aggiornato sulla attuale composizione sociale della cittadinanza di Senago, sui sui attuali bisogni e sui servizi ora necessari, ne tiene in contro dalla sua probabile evoluzione demografica e sugli impatti che eventi circostanti avranno (flussi di traffico modificati, Expo, immigrazione da altre città e paesi, emergenti problematiche lavorative e sociali).

Già un anno fa, quando Sinistra Senago presentò le prime osservazioni ai documenti preparatori al PGT, facemmo notare la dissonanza tra esso ed il PCTP; e tra l’altro a tutta la Giunta Comunale era nota la traiettoria che questo documento provinciale stava seguendo.

Ecco perchè, nel suo complesso, bocciamo con fermezza il PGT nella versione ora adottata, auspicando che le nostre proposte, fatte nell’interesse dei cittadini , siano acquisite e quindi venga rivista la struttura del PGT di Senago.

SinistraSenago – Federazione della Sinistra – Senago Bene Comune

(clicca qui sotto per leggere le nostre osservazioni)

fronte_oss-pgt

PGT + VASCHE: la grande accoppiata di Senago

Hanno fatto fuori 2 Assessori, di cui uno vice Sindaco, per inserire le Vasche di Laminazione nel Piano di Governo del Territorio (PGT), come voleva la Regione.

Senago è governata da fenomeni.

Maschera

Consiglio comunale: il video delle dichiarazioni a seguito delle quali vengono licenziati i due assessori

Il coperchio si apre e la pentola bolle.

Cliccate sul video del consiglio comunale di ieri sera.

Andate al tempo 3h 10′ per vedere le dichiarazione dell’assessore all’ambiente.

Al minuto 3h 40′ viene mostrato il icenziamento dei due assesori.

Si spacca la giunta comunale di Senago: licenziati in diretta il vicesindaco e l’assessore all’ambiente.

Foto0340-001Impietoso il consiglio comunale di ieri (17-12-2013), durante il quale il Sindaco Fois licenzia il suo vicesindaco ed assessore Maria Interdonato e l’assessore all’ambiente Luca Palazzolo.

La giunta inciampa sul PGT per colpa delle vasche che, per volontà del Sindaco,  vengono inserite addirittura nel  piano di governo “perchè la Regione Lombardia lo vuole”.

Contrari i due assessori che chiedono invece, in una lettera rimasta inascoltata, di togliere ogni riferimento alle vasche, poichè è stato inserito all’ultimo momento ed all’isaputa di tutti e poichè ciò decreterebbe un atto che porterebbe irrimediabilmente a favore di tale opera.

Ma la giunta mattonara e palazzinara vuole portare a casa il suo pgt a tutti i costi e per farlo non guarda in faccia a nessuno, licenziando in diretta vicesindaco ed assessore all’ambiente che devono lasciare immediatamente le loro poltrone senza nemmeno potersi commiatare dall’assemblea in quanto gli viene tolto ogni diritto di replica.

Ma ancora peggio è stato che poco dopo il consigliere di maggioranza Chiesa, autore dell’attacco (predeterminato?) che ha portato il Sindaco a licenziare i suoi assessori, ha presentato un’emendamento al PGT proponendo di inserire, nelle premesse allo stesso, una frase che richiama l’intenzione del Comune di non volere le vasche, sebbene queste siano inserite nei documenti del PGT.

Una farsa ed una beffa compiuta con la freddezza di chi aveva già predetermiato l’epilogo di questa storia.

La nostra solidarietà va tutta agli assessori Maria Interdonato e Luca Palazzolo che hanno avuto il coraggio, assumendosi le responsabilità di questa scelta, di far venire a galla il marcio che cova sotto la politica di questo paese e di questa giunta, sempre più lontano dai cittadini e sempre più vicino ai mattonari e palazzinari cui interessano solo i milioni di metri cubi delle vasche e quelli che produrrà questo ingannevole PGT che ci porta dritti verso un nuovo e considerevole consumo di suolo e territorio.

Senago: Sindaco e Giunta bocciano la petizione sul censimento degli immobili sfitti.

20120313_censimentoGentile Sindaco, gentile Giunta comunale di Senago,

leggiamo con grande stupore ed infinito rammarico le motivazioni che hanno portato al vostro diniego e rigetto delle richieste contenute nella petizione popolare a voi inviata e protocollata fin dal mese di maggio 2013.

A parte il ritardo con cui avete risposto,  in evidente violazione delle regole democratiche sancite nello Statuto e nel regolamento del Comune di Senago, che obbligano il Sindaco a rispondere entro 30 giorni  a istanze e petizioni, e nonostante le nostre varie sollecitazioni, ciò che ci lascia veramente allibiti è quella che intendiamo, nella vostra risposta, una precisa scelta politica atta a sottovalutare e trascurare il problema del consumo di suolo, divenuto per altro agenda politica nazionale.

Una scelta precisa, che ben s’identifica nelle scuse con le quali ritenete di non voler affrontare il tema adducendone la causa alla mancanza di tempo, quando invece avete avuto più di un anno a disposizione. Ricordiamo infatti che la petizione è stata la conseguenza della vostra mancanza di risposta alle istanze presentate sullo stesso tema dal movimento “Salviamo il paesaggio” già a marzo del 2012, che per primo vi chiedeva di attuare il censimenti edilizio in oggetto, e quindi la mancanza di risposta alle nostre stesse istanze di sollecito presentatevi a settembre del 2012.

Un silenzio assordante il vostro, che più di ogni altra cosa descrive la volontà, tutta politica, di portare a compimento il PGT in corso orientandolo e centrandolo su nuovo consumo di suolo. Curioso poi che nella vostra risposta diate per assodate alcune decisioni del PGT, documento tutto ancora da adottare ed approvare, quasi come se non fosse prevista la fase di ascolto dei cittadini, con conseguenti modifiche al PGT stesso.

Ecco perchè nella petizione, oltre alla richiesta di eseguire il censimento, chiedevamo anche di aspettare a pubblicare il PGT fino a che fosse stato integrato con le risultanze dell’importante documento di raccolta dati sul censimento degli immobili che ora dichiarate di non voler fare. Un documento peraltro semplice e facilmente acquisibile con molti dati già a disposizione degli uffici comunali. Un documento che si può realizzare in nemmeno mezza giornata, come disse l’Assessore Campagner durante l’incontro che abbiamo avuto proprio per sollecitare la questione. Ed invece è prevalsa in voi la scelta di non farlo, citando il PGT in arrivo come il migliore possibile e che prevede il minor consumo di suolo, tralasciando nelle parole il fatto che sono invece previsti nuovi insediamenti che occuperanno ettari di suolo vergine.

Tutto questo è per noi inaccettabile, soprattutto perchè viene perpetuato da una giunta di cetrosinistra che crediamo essere, per dna politico, più vicina alle esigenze ambientali e soprattutto alle richieste dei cittadini.

Gli amanti del cemento hanno forse vinto, ma la scelta politica che la Giunta sta per attuare, se confermato nel PGT finale, la porterà di fronte al patibolo delle proprie responsabilità.

Noi continueremo a fare la nostra parte, informando, vigilando e lavorando affinchè non prevalga lo scempio del territorio.

Sottolineamo anche che non ci è stata data risposta nemmeno alle osservazioni da noi presentate sulla prima ipotesi pubblica di PGT.

Purtroppo temiamo che a Senago la partecipazione sia vista da molti come una cosa solo da taccuino, e che tutto sia già stato deciso e blindato dalle decisioni di questa maggioranza, nella ricerca di delicati ma instabili equilibri interni, a discapito di una reale condivisione delle scelte coi cittadini.

SinistraSenago

Federazione della Sinistra

Senago Bene Comune

Leggi la risposta alla petizione

Leggi qui la petizione sul censimento del cemento