Per chi non lo sa, Bollate confina con Senago

 

front_11.jpg

dav

Annunci

Oltre 300 firme contro i rifiuti a Cassina Nuova e Senago

5b9c3358-acd1-91f3-238b69efc7fc6997Oltre trecento firme per dire no all’insediamento di un’azienda specializzata nel trattamento di rifiuti, pericolosi e non, a Cassina Nuova, a pochi passi dal confine con Senago. È questo il risultato della campagna promossa nelle ultime settimane dalla lista civica Per Un’Altra Bollate, rappresentata in consiglio comunale da Pierluigi Catenacci.

Gli attivisti della forza politica, attraverso i banchetti posizionati il sabato mattina nel mercato di Cassina Nuova o nei pressi della Coop di via Vittorio Veneto, hanno voluto raccogliere il disagio dei cittadini, preoccupati dal possibile insediamento di questa attività produttiva nell’area situata di fronte all’azienda agricola Tosi. “L’amministrazione comunale, che tanto parla di trasparenza, non ha mai affrontato la questione che era già stata discussa in consiglio comunale, grazie a un’interrogazione presentata dalla Federazione Della Sinistra, nel 2013. Abbiamo quindi informato i cittadini sul fatto che il Comune abbia deciso di ritirare il ricorso al Tar già intentato dall’ex sindaco Lorusso. La giunta Vassallo, inoltre, ha anche sottoscritto un protocollo d’intesa col Comune di Senago per avere in cambio delle opere irrisorie rispetto alle problematiche che potrà creare ai cittadini di Cassina Nuova l’insediamento di un’azienda specializzata nel trattamento dei rifiuti” sottolineano gli attivisti di Per Un’Altra Bollate.

I componenti della lista civica, poi, guardano alla difficile situazione che sta attraversando la frazione di Cassina Nuova negli ultimi mesi: “La questione, almeno dal punto di vista ambientale, è esplosiva sia per il possibile insediamento di questa nuova attività che per gli odori e i rumori prodotti dalla Bitumati 2000. A tutto ciò si aggiungono l’ormai prossima costruzione delle vasche di laminazione del fiume Seveso, a Senago, e la presenza della cava Balzarotti. Il territorio della frazione è ormai devastato e Cassina Nuova si sta trasformando da quartiere residenziale a discarica. Questo è un grave problema perché chi vorrà vendere la propria abitazione sarà costretto ad abbassare il valore economico della stessa“. La consegna delle oltre trecento firme al Comune, avvenuta nel tardo pomeriggio di martedì 20 dicembre, è però solo il primo passo della battaglia intrapresa dalla lista civica Per Un’Altra Bollate. L’obiettivo primario degli attivisti è quello di convocare a breve un’assemblea pubblica per discutere coi residenti di Cassina Nuova questa problematica.

Leggi anche: Bitumati, le immissioni sono superiori a quelle autorizzate

(Stefano Dattesi – pubblicato su sito “Rho News”)

Cassina Nuova dice no al triangolo dei veleni: “I rifiuti speciali qui non li vogliamo”

Prima giornata di raccolta firme organizzata dalla lista civica “Per un’altra Bollate”

di MONICA GUERCI (pubblicato su “Il Giorno”)

immagini-quotidiano-net

Bollate (Milano), 13 novembre 2016 – «No alla discarica di rifiuti pericolosi a Cassina Nuova» al confine con Senago. Prima giornata di raccolta firme organizzata dalla lista civica «Per un’altra Bollate»: ieri mattina davanti al mercato settimanale della frazione in meno di due ore sono state raccolte 150 firme. «I cittadini  hanno subito risposto con grande partecipazione. Da oggi raccogliamo le firme per scongiurare l’ulteriore sfregio al territorio …

… continua a leggere su “Il Giorno” clicca qui.

EX EURECO DI PADERNO: NO ALLA RIAPERTURA – PRESIDIO 25/7 MILANO (VIA VIVAIO 1 – ORE 9.30)

Carissime/i
vi segnalo l’importante mobilitazione di lunedì 25 luglio a Milano in via Vivaio c/o la sede della Città metropolitana, in occasione della seduta del Consiglio metropolitano (ore 9.30) per dire no al nuovo impianto di smaltimento rifiuti pericolosi che dovrebbe sorgere sull’area ex Eureco a Paderno Dugnano, dove cinque anni fa persero la vita quattro lavoratori in un terribile incendio provocato da un’assoluta mancanza di tutele di sicurezza per i lavoratori e per l’ambiente e dove si smaltivano i rifiuti in un modo totalmente illegale.
Il Comitato a sostegno dei familiari delle vittime e dei lavoratori Eureco ha chiesto al Sindaco Sala di revocare o sospendere questa autorizzazione e di incontrare il comitato al più presto.
Ci vediamo il 25 luglio.
Un caro saluto.
Massimo Gatti
§
Comunicato Stampa
Paderno Dugnano 14/07/2016
Apprendiamo dal Comune di Paderno Dugnano, che “La Città Metropolitana ha comunicato
formalmente il rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale all’impresa Tecnologia & Ambiente per la realizzazione di un impianto per il trattamento di rifiuti speciali presso l’insediamento ex Eureco in via Mazzini”.
La parte tecnico-burocratica della Città Metropolitana, la Commissione Servizi, non ha preso in
considerazione la scelta contraria del Consiglio Comunale di Paderno Dugnano e neppure quella del Consiglio stesso della Città Metropolitana.
Non è possibile lasciare spazio ad aziende di questo tipo a Paderno Dugnano dopo un simile
precedente poiché su questa città non pesano solo le morti di 4 operai dell’allora Eureco (Harun
Zeqiri, 44 anni, Sergio Scapolan, 63, Salvatore Catalano, 55 e Leonard Shehu, 37) ma anche l’esistenza di altri 3 tuttora abbandonati al loro destino.
Il comune di Paderno Dugnano costituitosi parte civile durante il processo contro l’Eureco, ha
l’obbligo morale nei confronti delle vittime di riaffermare con forza quest’opposizione e di far di tutto per impedire che si creino nuove situazioni potenzialmente pericolose.
In qualità di “Comitato a sostegno dei famigliari delle vittime e dei lavoratori Eureco” esprimiamo contrarietà a questo nuovo insediamento, perché la strage accaduta nel 2010 non abbia a ripetersi, chiedendo il sostegno di tutti i cittadini, le forze politiche , le associazioni presenti sul nostro territorio.
Per questo abbiamo richiesto un incontro urgente con Giuseppe Sala attuale sindaco della città
Metropolitana e chiediamo a tutti i cittadini padernesi a partecipare ad un primo presidio di protesta indetto per sabato 16 luglio alle 15,30 davanti alla Ex Eureco in Via Mazzini a Palazzolo Milanese.
Importante sarà la nostra presenza alla Riunione del Consiglio Metropolitano di Lunedì 25 luglio 2016 In via Vivaio 1 a Milano. Altre iniziative verranno programmate in seguito.
Comitato a sostegno dei famigliari delle vittime e dei lavoratori Eureco
COMITATO A SOSTEGNO DEI FAMILIARI DELLE VITTIME E DEI LAVORATORI EURECO
Comitatosostegnovittime.eureco@gmail.com