Archivi tag: vitalone

Ordinanza di sicurezza urbana: un esempio di carità cristiana, vietare l’elemosina e tenersi la ‘ndrangheta, devota a tanti santi e madonne.

Finalmente c’è chi preoccupa della nostra sicurezza: ce n’era bisogno, in questo paese infiltrato dalla ‘ndrangheta. Ecco l’ordinanza della sindaca Leghista:

§

(dal sito ufficiale del Comune di Senago)

IMG_106_15397^sicurezza urbana

(noi ti vediamo e ti curiamo – noi siamo la tua sicurezza – affidati a noi – noi siamo i tuoi redentori – noi siamo i tuoi nuovi padroni)

Il Sindaco ha emesso un’ordinanza di divieto di attività di  richiesta di elemosina, di accattonaggio e bivacco in spazi pubblici, nonchè di disseminazione di rifiuti e di espletamento di bisogni fisiologici all’aperto, a difesa del decoro e della vivibilità urbana.

Quanto sopra, a seguito della rilevazione reiterata, sul territorio comunale, di soggetti che richiedono denaro talvolta in forma invasiva o molesta e di raggruppamenti di persone che, stazionando nelle piazze e parchi pubblici, importunano i passanti, generando percezione di insicurezza e mettendo in atto comportamenti contrari al decoro e alla pubblica decenza.

Amen.

 

Annunci
Immagine

DIMISSIONI

mandr.jpg

‘Ndrangheta in Lombardia: ecco I NOMI. Un arresto anche a SENAGO.

‘Ndrangheta a Cantù. Traffico internazionale di droga e corruzione. Scoperto anche un giro di estersioni violente a Cantù. Il blitz è scattato nelle prime ore dell’alba, nelle province di Milano, Monza e Brianza, Como, Pavia e Reggio Calabria, una vasta operazione di contrasto alla ‘ndrangheta condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano.

‘Ndrangheta a Cantù e nel canturino: tutti nomi

Ordinanza di applicazione di custodia cautelare in carcere nei confronti delle seguenti persone:

Domenico Staiti (nato ad Africo, residente a Cantù), Bruno Staiti (nato a Melito di Porto Salvo, domiciliato a Cantù), Emanuele Zuccarello (nato a Napoli, residente a Cermenate), Antonio Manno (nato Polistena, domiciliato a Cantù), Luca Di Bella (nato a Lecco, residente a Cantù), Jacopo Duzioni (nato a Como, residente a Cermenate), Valerio Torzillo (nato a Cantù, residente a Cermenate).

Gli arrestati degli altri Comuni

Fortunato Calabrò (nato Montebello Ionico, residente a Cesano Maderno), Carmelo Mallimaci (nato a Montebello Ionico, residente a Desio), Giuseppe Morabito (nato a Locri, residente ad Africo), Rocco Depretis (Portosalvo, attualmente detenuto per altra causa), Giovanni Vitalone (nato a Melito di Porto Salvo, residente a Senago), Andrea Scorso (nato a Melito di Porto Salvo, residente ad Africo).

(tratto da “il giornale di como”)